3.3.1 I contesti

Quando la musica viene elaborata, molti elementi notazionali che non compaiono esplicitamente nel file di input devono essere aggiunti nell’output. Ad esempio, si confrontino l’input e l’output del seguente esempio:

cis4 cis2. | a4 a2. |

[image of music]

L’input è alquanto essenziale, ma nell’output sono stati aggiunti stanghette, alterazioni, l’armatura di chiave e il tempo. Quando LilyPond interpreta l’input l’informazione musicale viene analizzata da sinistra a destra, proprio come un musicista legge uno spartito. Mentre legge l’input, il programma ricorda dove si trovano i confini della misura, e quali altezze richiedono espliciti accidenti. Questa informazione deve essere conservata a diversi livelli. Ad esempio, un accidente influisce solo su un singolo rigo, mentre una stanghetta deve essere sincronizzata lungo l’intera partitura.

All’interno di LilyPond, queste regole e pezzi di informazione sono raggruppati nei Contesti. Abbiamo già presentato il contesto Voice. Altri contesti sono Staff e Score. I contesti sono strutturati gerarchicicamente per riflettere la natura gerarchica di una partitura musicale. Ad esempio: un contesto Staff può contenere molti contesti Voice, e un contesto Score può contenere molti contesti Staff.

pictures/context-example

Ogni contesto è responsabile di far rispettare alcune regole di notazione, creare alcuni oggetti della notazione e conservare le proprietà associate. Ad esempio, il contesto Voice può introdurre un’alterazione e poi il contesto Staff mantiene la regola per mostrare o sopprimere l’alterazione per il resto della misura.

Un altro esempio: la sincronizzazione delle stanghette è gestita, per impostazione predefinita, nel contesto Score. Tuttavia, in alcune forme musicali potremmo non volere che le stanghette siano sincronizzate – si consideri una partitura polimetrica in 4/4 e 3/4. In questi casi, dobbiamo modificare le impostazioni predefinite dei contesti Score e Staff.

Per spartiti molto semplici, i contesti vengono creati implicitamente, e non è necessario occuparsene. Ma per brani più ampi, come qualsiasi cosa abbia più di un rigo, devono essere creati esplicitamente per essere sicuri di avere tutti i righi necessari, e che questi siano nel giusto ordine. Per scrivere brani che utilizzano una notazione speciale, di solito si modificano i contesti esistenti, o addirittura se ne creano di completamente nuovi.

Oltre ai contesti Score, Staff e Voice ci sono contesti che stanno tra i livelli della partitura (score) e del rigo (staff) per controllare i gruppi di pentagrammi, come i contesti PianoStaff e ChoirStaff. Ci sono anche contesti alternativi per il rigo e la voce, e contesti per il testo, le percussioni, la tastiera, il basso continuo, etc.

I nomi di tutti i tipi di contesto sono formati da una o più parole, e ogni parola viene unita immediatamente alla parola precedente senza trattini o underscore bensì con la prima lettera maiuscola: ad esempio, GregorianTranscriptionStaff.

Vedi anche

Guida alla notazione: Contexts explained.


Other languages: English, česky, deutsch, español, français, magyar, 日本語, nederlands.
About automatic language selection.

LilyPond — Learning Manual