4.7.1 Altri usi delle modifiche con \tweak


Legature di valore tra note di voci diverse

L’esempio seguente mostra come unire con legature di valore note appartenenti a voci diverse. Di norma, solo le note nella stessa voce possono essere unite da una legatura di valore. Se si usano due voci con le note legate in una voce

[image of music]

e si cancella il primo gambo di quella voce, la legatura sembra attraversare le voci:

<<
  {
    \tweak Stem.transparent ##t
    b8~ b\noBeam
  }
\\
  { b8[ g] }
>>

[image of music]

Per far sì che il gambo cancellato non schiacci troppo la legatura, possiamo allungarlo impostando la proprietà length su 8,

<<
  {
    \tweak Stem.transparent ##t
    \tweak Stem.length #8
    b8~ b\noBeam
  }
\\
  { b8[ g] }
>>

[image of music]

Per sovrascrivere (con \override) la trasparenza di un oggetto grafico, avremmo potuto usare la scorciatoia \hide, come spiegato in precedenza. Ma la modifica manuale con \tweak è un’operazione diversa, che riguarda solo le proprietà generate da una singola espressione musicale. Tuttavia è possibile convertire le sovrascritture in tweak usando \single. Questo ci permette di riscrivere l’esempio precedente in questo modo

<<
  {
    \single \hide Stem
    \single \hide Flag
    \tweak Stem.length #8
    b8~ b\noBeam
  }
\\
  { b8[ g] }
>>

[image of music]

In questo caso particolare, la differenza rispetto a \once \hide non è evidente. La differenza è evidente quando ci sono vari oggetti che si trovano nello stesso punto del tempo musicale (come le teste delle note in un accordo). In quel caso, \once avrà effetto su tutti quegli oggetti mentre \single solo su uno, ovvero quello generato dall’espressione musicale immediatamente seguente.


Simulare una corona nel MIDI

Per gli oggetti esterni al rigo è di solito preferibile sovrascrivere la proprietà stencil piuttosto che la proprietà transparent dell’oggetto se si desidera toglierlo dall’output. Se si imposta la proprietà stencil su #f l’oggetto verrà completamente rimosso dall’output e quindi non potrà influenzare la disposizone di altri oggetti posizionati rispetto a esso.

Ad esempio, se volessimo modificare il segno di metronomo solo per simulare una corona nel MIDI, non vorremmo che il segno apparisse nella partitura né vorremmo influenzare la spaziatura tra i due sistemi o la posizione di annotazioni adiacenti nel rigo. Dunque, il modo migliore è impostare la proprietà stencil su #f. Ecco l’effetto dei due metodi:

\score {
  \relative c'' {
    % Indicazione di tempo visibile
    \tempo 4=120
    a4 a a
    \once \hide Score.MetronomeMark
    % Indicazione di tempo invisibile per allungare la fermata nel MIDI
    \tempo 4=80
    a4\fermata |
    % Nuovo tempo per la sezione successiva
    \tempo 4=100
    a4 a a a |
  }
  \layout { }
  \midi { }
}

[image of music]

\score {
  \relative c'' {
    % Indicazione di tempo visibile
    \tempo 4=120
    a4 a a
    \once \omit Score.MetronomeMark
    % Indicazione di tempo invisibile per allungare la fermata nel MIDI
    \tempo 4=80
    a4\fermata |
    % Nuovo tempo per la sezione successiva
    \tempo 4=100
    a4 a a a |
  }
  \layout { }
  \midi { }
}

[image of music]

Entrambi i metodi tolgono dalla partitura l’indicazione metronomica ed entrambi cambiano il tempo del MIDI come volevamo, ma nel primo esempio l’indicazione metronomica trasparente sposta troppo in alto l’indicazione di tempo successiva, mentre nel secondo esempio, dove viene tolto lo stampo (stencil), ciò non accade.

Vedi anche

Glossario musicale: sistema.


Altre lingue: English, česky, deutsch, español, français, 日本語, nederlands.
About automatic language selection.

LilyPond — Manuale di apprendimento v2.17.97 (ramo di sviluppo).